Seguici su

Presentazione

di Sabato, 19 Aprile 2014 - Ultima modifica: Giovedì, 08 Maggio 2014

Il Consorzio

Da sempre le nostre genti hanno dato grande importanza alla gestione del bosco, fonte economica ma non solo.

In passato, questa gestione era garantita dai custodi forestali alle dipendenze dei singoli comuni o dal personale delle ASUC.

La nascita dei consorzi forestali la si è avuta, quando, a seguito dell’emanazione della delibera della Giunta Provinciale n. 1769 dd. 11.03.1977, il territorio provinciale è stato suddiviso in circoscrizioni di sorveglianza boschiva, a garanzia di una gestione più razionale del patrimonio boschivo sull’intero territorio provinciale.      ...

Nello specifico, alla Circoscrizione n. 23 sono state aggregate  tutte le proprietà degli Enti (Comuni ed A.S.U.C.) della Bassa Anaunia (Campodenno con le ASUC di Campodenno, Dercolo, Lover, Quetta e Termon; Cunevo, Denno, Flavon, Sporminore, Terres e Ton con le ASUC di Ton, Toss e Vigo). Tali Enti, colta sin da subito l’opportunità e la convenienza per l’ottimale gestione, sia sul piano organizzavo che economico, del proprio patrimonio silvo-pastorale, si sono riuniti in Consorzio.

Il riconoscimento vero e proprio del “Consorzio Servizio Custodia Forestale Bassa Anaunia” lo si è avuto a seguito della pubblicazione del Decreto  del Presidente della Giunta Provinciale di Trento n. 15342/16-B dd. 30/09/1977, con cui, altresì,   ne è stato approvato lo Statuto.

Da allora il Consorzio, diviso a sua volta in 4 zone di custodia, svolge, attraverso le figure dei Custodi forestali (coordinati dalla locale Stazione forestale Cles-Denno) l’importante compito di vigilare sul patrimonio boschivo della Bassa Anaunia.

torna all'inizio del contenuto